BIOGRAFIA
Gli EtnoSound nascono nel 2009 da un’idea di Leonardo Bonavita. Proprio lui che, durante la creazione di alcuni brani e animato da una grande passione per la musica popolare, decide di mettere in piedi il gruppo. Incoraggiato dal maestro Domenico Macrì, incide il primo disco “Amuri appena natu” che esplode con oltre cinquemila copie vendute. Le esibizioni live della band fanno capire ai componenti che la strada intrapresa è quella giusta: suoni coinvolgenti e tanta, tanta partecipazione da parte del pubblico. Non c’è un concerto, un’apparizione, infatti, in cui gli spettatori non vengano coinvolti dai ritmi e dalle musiche del gruppo, trascinando tutti in un vortice di musica e di allegria sempre più contagioso. L’attuale formazione (Leonardo, Domenico, Andrea, Gianluca e Peppe) ha proiettato il gruppo verso una svolta artistica decisiva. Le esibizioni degli EtnoSound, dopo anni di lavoro e studio, sono diventate un incrocio di ritmi e di suoni del Sud Italia e non solo. Il concerto degli EtnoSound è il frutto di un’attenta e minuziosa ricerca dei suoni della tradizione popolare della Calabria, in particolare dello Jonio Reggino, per quello che riguarda l’uso della Lira, e della Sila Catanzarese, della Vallata del Sant’Agata e dell’intera Area Grecanica per ciò che concerne l’uso della Zampogna, dell’organetto e del Tamburello.

DISCOGRAFIA
I testi autobiografici raccontano storie della loro vita vissuta! Attimi della loro esistenza che si trasformano in musica! Vengono attinti dalla tradizione orale dei nostri avi: canti di mietitura, cantate “all’aria”, canzoni di sdegno, d’amore…
2012 la pubblicazione del primo album, "Amuri Appena Natu". Un disco fatto di testi e musiche inedite ma non solo, con all'interno la fortunata hit "Vorria Mu Moru".
2013, invece, vede l'arrivo di "CANTU NOVU", album composto da dieci tracce totalmente inedite per musiche e testi. Un lavoro minuzioso che ha visto l'intera band partecipare al processo compositivo.
2014, arriva il terzo cd. Un’opera “omonima”, a cui è stato dato come titolo "Etnosound" proprio il nome del gruppo. Un titolo dato quasi come un’esigenza, quella di rimarcare la compattezza del gruppo ed una ritrovata unità d’intenti nel perseguire insieme traguardi comuni.
2015 esce il quarto cd dal titolo "Simu Ccá". Una dichiarazione d'amore alla propria terra dove i musicisti hanno deciso di rimanere e di vivere nonostante tutte le difficoltà. Un disco che segna una crescita ulteriore sotto l'aspetto compositivo e degli arrangiamenti.
2016 nasce “Calabrisi e mi ‘ndi vantu”. Il quinto progetto discografico composto da undici tracce. Dieci inediti ed un “remake”, quello di “Tu si Regina”, diventato ormai un classico della band ionio-pianigiana.
2017 gli EtnoSound danno alle stampe la loro sesta fatica discografica. Arriva, infatti un cofanetto contenente un doppio album. Uno dal tiloto “Paci, amuri e poesia”, album composto da dieci tracce inedite sia nella musica che nei testi e il secondo dal titolo “Best of Etnosound”. Un omaggio alla propria gente. Un disco che contiene 20 tracce scelte dai loro fan che si sono visti coinvolti, a scegliere la playlist, tramite un sondaggio mediatico.
2018 nasce “Etnosound Compilation”. Un album richiestissimo e coinvolgente dove all’interno racchiude tutti i brani della scaletta suonata durante i concerti. Brani che attingono in pieno a quello che è il loro patrimonio musicale.
2019 vede come protagonista il lavoro discografico dal titolo “I love Calabria”. 12 tracce che incarnano il naturale percorso intrapreso, ormai da anni, dal gruppo. Testi autobiografici, più maturi e veri, uniti da profonde dichiarazioni d’amore per la propria terra.

I CONCERTI
Gli EtnoSound vantano di tanti anni di carriera colmi di armonia, tantissimi concerti che hanno permesso di portare l’amore verso la propria tradizione ovunque, regalando sorrisi e spensieratezza. Girano ininterrottamente per le piazze di tutta la Calabria e non solo. Si sono esibiti in Sicilia; Svizzera; Stati Uniti; Germania; Salento; al Teatro Francesco Cilea di Reggio Calabria; all’ Auditorium di Roccella J.; teatro di Polistena; ma anche a Modica (RG), nell’ambito del festival “Chocobarocco”, a Roma, per il festival “Profumi e Sapori della Calabria”, ad Aosta per la “Festa dei Calabresi”. Il “live Tour”, è vestito con un look accattivante e nuova scenografia con luci all’avanguardia. EtnoSound resta, quindi, un marchio di fabbrica che li caratterizza e li rende “facilmente riconoscibili” nel grande panorama della musica popolare calabrese. La band è presente anche nelle trasmissioni “Radici”, su Telemia; “Tirullalleru”, su 8Video Calabria, oltre che in altre varie emittenti televisive e radiofoniche.

I PREMI
Il gruppo è stato insignito a Roma del premio “La Calabria che lavora”, come “Miglior Gruppo Etnico della Tradizione Popolare Calabrese Nel Mondo”. Vantano di partecipazioni premiate quale al “Febea Music Awards”; presenti anche al “Mia Martini Festival” nella sezione etnosong. Un altro prestigioso premio vinto, come primi classificati, è stato il “Gran Premio Checco Manente” con il brano “Vorria mu moru”, a Crucoli di Torretta (KR). La giuria era composta da un Comitato di Valutazione del Premio Manente da nomi di caratura nazionale: da Lino Patruno, jazzista di fama internazionale, al cantautore Eugenio Bennato; dal musicista, attore e cantante Nando Citarella al cantante Peppe Voltarelli (ex leader del Parto delle Nuvole Pesanti); da Roberto De Gaetano, noto critico e scrittore nonché Presidente del Corso di Laurea Magistrale in Linguaggi dello Spettacolo dell’Unical, al giornalista musicale Stefano Cuzzocrea ed al giovane suo collega Simone Arminio, già collaboratore del Resto del Carlino e de Il Manifesto. In ultimo, la partecipazione al più importante festival di musica popolare calabrese; il Kaulonia Tarantella Festival.

I componenti

Leonardo Bonavita

Voce e Chitarra Acustica


Leonardo Bonavita

Leonardo Bonavita nasce a Polistena il 9 Novembre 1989.
Fin da piccolo si appassiona alla musica grazie alla sua famiglia. Coltiva questa sua passione fino a diventare parte integrante delle sue giornate; scrive le sue prime canzoni, inconsapevole di tutto ciò che da lì a poco sarebbe accaduto nella sua vita.
È il 2009 quando, Leonardo, per la prima volta fa ascoltare in pubblico una delle sue creazioni, dando vita al gruppo Etnosound. Sorpreso dall’approvazione ricevuta e dall’emozione che quel momento gli aveva regalato, incoraggiato dal maestro Domenico Macrì, decide di incidere il primo disco “Amuri appena natu” che esplode con oltre cinquemila copie vendute. Con lo stesso disco vince il premio più ambito della musica tradizionale calabrese: Premio Manente. Da quel momento tantissima gente si è appassionata alla loro musica, tantissimi concerti e la creazione di altri ben otto dischi che hanno condotto la loro musica e tradizione in tutta Italia; hanno conquistato con la loro passione gli Stati Uniti d’America, passando dalla Svizzera alla Germania fino al Lussemburgo.
Undici anni di carriera colmi di armonia, tantissimi concerti che hanno permesso a Leonardo di portare l’amore verso la propria tradizione ovunque, regalando sorrisi e spensieratezza.

Domenico Macrì

Strumenti Tradizionali


Domenico Macrì

Nasce nel 1980. Da subito si appassiona alla musica tradizionale, prendendo spunto dal nonno, noto suonatore d'organetto. Nel 1996 frequenta l' Accademia Musicale privata di Siderno diretta dal Prof. Frascà studiando teoria, solfeggio e storia della musica. Nel 1999 intraprende il cammino, da autodidatta, verso uno strumento popolare chiamato Lira Calabrese, ascoltando e cercando di riprodurre le antiche melodie esibite da diversi suonatori. Poco più tardi mette le vesti di ricercatore, approfondisce lo strumento portandolo a sviluppare un buon senso ritmico e all’approccio dello strumento stesso, studiando nuove melodie e nuovi contesti sonori. Non tralascia il "suono" antico e prosegue, saltuariamente, le ricerche e gli studi dal Maestro Francesco Staltari classe 1937 suonatore e ultimo testimone vivente riguardo la Lira Calabrese. Nel frattempo si appassiona anche alla Pipita, i Flauti di Canna, alla Zampogna “A moderna” e "A chiave", alla Chitarra Battente Jonica detta: "Chitarra 'du vinu"... e seguendo le orme dei grandi ottiene grande successo. Inizia ad insegnare professionalmente nel 2008 quando viene convocato ad impartire lezioni nella scuola diretta dal Maestro Cosimo Papandrea e successivamente in altre sedi dirette dal Maestro Mimmo Cavallaro. Porta avanti diversi progetti musicali con vari gruppi tradizionali e diventa Direttore Artistico in diverse scuole della Calabria curando la sezione "Tarantella Calabrese". Oltre ad essere presente in raduni e manifestazioni tradizionali, viene invitato a rappresentare la Lira Calabrese (per la zona della Locride) presso il “Festival Internazionale della Lyra del Mediterraneo” a Spilinga (VV). Nel 2010 entra nel progetto etnosound assumendo un ruolo importante. Un ruolo che va oltre al musicista, ma bensì guidare la band. Scrive e musica il primo brano, dal titolo "Vorria mu moru", e lo presenta alla band spianando così il terreno verso il successo. Nel 2012 entra a far parte, come insegnante di Lira Calabrese, nel Kaulonia Tarantella Festival. Attualmente insegna in varie sedi della Calabria ed è compositore e autore delle maggiori hit del gruppo ETNOSOUND. "Egli considera che suonare gli strumenti tradizionali è come un viaggio attraverso se' stessi..."

Andrea Carrano

Sax e Organetto


Andrea Carraro

Andrea Carrano nasce a Cinquefrondi il 29 ottobre 1988. Fin da bambino cresce nell'ambiente musicale, ascolta musica di qualsiasi genere. Inizia a suonare le percussioni nella banda cittadina e ,successivamente, passa ai sassofoni nelle diverse orchestra di fiati presenti sul territorio, con le quali svolge per diversi anni un'intensa attività concertistica, partecipando a concorsi nazionali ed internazionali, esibendosi nei grandi teatri italiani. La sua attività musicale è ampliata da numerose esperienze all'estero, tra le quali si ricordano i concerti in Terra Santa durante un tour in Palestina e Israele nell'estate del 2009. Diplomato in sassofono presso il Conservatorio "F. Cilea" di Reggio Calabria, Andrea Carrano è un profondo conoscitore della musica a 360°. Tra le sue passioni c'è anche quella per la musica popolare , passione che lo porta a suonare ,da autodidatta, l'organetto , e che ,nell'agosto 2011, gli fa incontrare gli Etnosound, dove oltre allo strumento tradizionale porta una ventata di novità grazie all'inserimento del sassofono, che permette al gruppo di sperimentare nuove sonorità e di allargare i propri orizzonti. È autore e compositore di diversi brani del gruppo.

Gianluca Cusato

Percussioni e Tamburi a Cornice
Gianluca Cusato



Gianluca Cusato nasce a locri il 12 ottobre 1996. A 7 anni inizia ad appassionarsi alla musica insieme al fratello maggiore Giuseppe, suonando il tamburello durante le feste patronali a Gerace (il suo paese). Dopo un anno circa sente dentro di sé che la passione verso la musica è molto forte, così si iscrive all’ ARS NOVA “Banda di Gerace” come percussionista,inizia a studiare Strumenti a Percussione e Solfeggio. A 10 anni entra pienamente a far parte della banda. Successivamente viene notato da altre bande e orchestre della locride dove viene chiamato per varie collaborazioni. Arriva l’anno della licenza media e Gianluca senza ombra di dubbio si iscrive al “Liceo Musicale” di Cinquefrondi, lo frequenta e i professori sono molto entusiasti di lui, Si diplomerà nell'anno 2015. Successivamente si Laurea in Strumenti a Percussione al conservatorio “Fausto Torrefranca” di Vibo Valentia sotto la guida del M°Vittorino Naso. In questi anni è stato diretto da grandissimi direttori come: M° Riccardo Muti, M°Wagner, M° Lorenzo Pusceddu, M°Jacob De Haan, ecc. Ha frequentato varie masterclass con Maestri di livello nazionale e Internazionale come: M°Giuseppe Cacciola; M°Dom Famularo; M°Frédéric Macarez; M°Vittorino Naso; M°Edoardo Giachino; M°Leonardo Di Angilla; M°Gilson Silveira; M°Sergio Quarta. Vincitore di vari concorsi individuali, orchestrali e bandistici. Insegnante di Percussioni in varie scuole private. Il 10 Luglio 2021 riceve il Diploma D'onore durante il 2° Concorso Musicale Internazionale "Friends of Music" di Bernalda (MT), rilasciato al miglior Insegnante del Concorso. Il 18 Novembre 2013 inizia la sua nuova strada come Percussionista negli ETNOSOUND (band popolarissima nel profilo musicale calabrese). All’attivo con loro ha realizzato 6 CD. Inoltre ha collaborato in altri lavori discografici come: "L'albero di more" di Paolo Sofia. Attualmente Percussionista/Timpanista presso: Orchestra Filarmonica della Calabria; Orchestra Nazionale Giovanile Giuseppe Sinopoli. AMBASSADOR UFFICIALE presso il famoso marchio Internazionale "Murat Diril Cymbals".

Peppe Condello

Basso Elettrico
Condello Peppe



Peppe Condello nasce a Reggio Calabria l'8 ottobre 1979. Cresce nell'ambiente musicale ascolta musica di ogni genere dai Deep Purple a Pat Metheny, dai Genesis a Jaco Pastorius, grazie ai suoi cugini Mimmo e Angelo Condello e a suo fratello Teddy che lo fanno appassionare. Negli anni '90 inizia il suo percorso lavorativo nella costruzione di batterie e percussioni con il marchio "MCDrums" facendosi apprezzare nel mondo delle percussioni. Con Angelo inizia a suonare il Basso Elettrico presso la sua scuola "Setticlavio" e nelle varie orchestre, con le quali fa diversi concorsi musicali arrivando spesso a vincerli, negli anni 1994 e '95 va in tournée in Argentina con l'orchestra "Ritmo Synt Orchestra Amadeus" suonando nei migliori teatri di Buenos Aires e Mendoza. Studia contrabbasso per 2 anni al conservatorio Cilea di Reggio Calabria. Suona in diverse band reggine accompagnando artisti come Francesco Pugliese (concorrente della trasmissione televisiva "Io Canto"). Nel frattempo, oltre al musicista, lavora come tecnico di palco e backliner per vari service/gruppi. Nel 2015 viene contattato dall'ingegnere del suono Nato Serranò per affiancare anche il tour degli "Etnosound" dove inizia la sua collaborazione che lo ha portato, nel dicembre 2016, a prendere il ruolo ufficiale di bassista e membro del gruppo stesso.

Condividi questa pagina!